rinnovarelacasa

Costruzione: perché usare un architetto?

Costruire o ristrutturare una casa è difficile. Anche se avete già in mente lo stile della casa da costruire o ristrutturare, è ancora difficile fare il piano e studiare il bilancio. Chi vi aiuterà allora? L’alternativa migliore è usare un professionista, cioè un architetto. Qui troverete le ottime ragioni per chiamare un architetto.

Ottenere un progetto su misura

L’architetto può darvi consigli preziosi per la realizzazione del vostro progetto. È in grado di esaminare la fattibilità del progetto e valutare i costi della costruzione o della ristrutturazione. Poiché la legislazione sul lavoro è severa, soprattutto in Francia, l’architetto si assicurerà che il vostro progetto sia conforme ai requisiti tecnici e legali. Un altro vantaggio è che avrete un progetto su misura. L’architetto crearà un progetto unico e di talento che si adatta alle vostre esigenze, gusti e desideri. È l’unica persona che può fornirvi soluzioni tecniche e soddisfacenti.

Risparmiare tempo e denaro

Il supporto di un architetto permette di risparmiare tempo. Sa tutto su come funzionano le aziende e su quello che possono fare. Controllerà l’avanzamento dei lavori, soprattutto per garantire il rispetto delle scadenze. Soprattutto, l’architetto vi guiderà nel processo di ottenimento del permesso di costruzione. Vi aiuterà a risparmiare denaro. La gente pensa che assumere un architetto sia costoso, ma non è affatto così. Un compito completo di un architetto vi costerà semplicemente circa il 10-12% in media del bilancio complessivo del progetto. L’architetto ha il controllo dei costi previsti, soprattutto la negoziazione dei prezzi dei servizi e dei materiali, così come gli altri partecipanti. Può anche assicurare che il progetto sia efficiente dal punto di vista energetico.

Obbligatorio in certi casi

L’uso di un architetto è obbligatorio per i lavori che richiedono un permesso di costruzione. Un architetto è necessario per i lavori di costruzione o ristrutturazione. Questo è il caso di una superficie superiore a 150 m² o di un’estensione con una superficie superiore a 150 m². Tuttavia, per i lavori di costruzione o ristrutturazione in cui la superficie non supera i 150 m², l’uso di un architetto non è obbligatorio. Non è nemmeno necessario ricorrere a un architetto per le opere soggette a un permesso di costruzione che riguardano esclusivamente l’allestimento e l’attrezzatura di spazi interni.

Exit mobile version